WIDGET: cosa sono e a cosa servono?

I widget vengono utilizzati al fine di fornire informazioni all’utente su desktop, web e dispositivi mobili

Sono elementi dell’interfaccia grafica utente che rendono possibile l’ interazione con le applicazioni e il sistema operativo. Ci mostrano informazioni e invitano l’utente a compiere alcune operazioni. Un widget tipico contiene pulsanti, finestre di dialogo, finestre pop-up e di selezione e altri elementi.

Quindi parliamo di piccole applicazioni che permettono di accedere, in maniera più veloce e funzionale, ad applicazioni più grandi.

I widget sono delle applicazioni?

Abbiamo visto che widget e app non sono esattamente la stessa cosa, anche se “oggetti” affini. Nel mondo mobile, si pensa che siano degli utili al miglioramento dell’esperienza d’utilizzo dell’utente, anche se non è esattamente così. Conviene paragonarli a delle finestre che permettono di visualizzare solo una parte; le app, invece, richiedono all’utente un’interazione più “approfondita”.

I widget per il desktop

questa specie di mini-app viene anche indeata, delle volte, per apparore sulla scrivania del proprio sistema operativo. Forniscono specifiche informazioni all’utente di carattere funzionale (le temperature del processore o della GPU, ad esempio) o di svago .

La dashboard

Il sistema operativo necessita di un particolare “widget engine” che gestisca e selezioni le informazioni di programmi più grandi. Gli utenti Mac conosceranno sicuramente la Dashboard, il motore nativo dei sistemi OS X. Dal 2004 al 2001 Google ha rilasciato un proprio widget engine (chiamato Google desktop) grazie al quale è possibile cercare messaggi e indirizzi di posta elettronica, file pagine web e altro all’interno del proprio computer.

Web Widget

L’evoluzione nell’ambito di questi strumenti ha garantito lo sviluppo dei cosiddetti web widget, ovvero porzioni di codice che possono fornire informazioni. Funzionano come mini-applicazioni per fornire all’utente un motore di ricerca interno al portale, o per visualizzare gli ultimi articoli inseriti in un sito.

Questi non necessitano chissà quali competenze informatiche. Infatti, basterà copiare il codice e inserirlo all’interno della pagina web.

smartphone e tablet

Negli ultimi anni hanno trovato ampio utilizzo nell’universo mobile. Android e iOS possiedono numerosi strumenti personalizzare uno dei “desktop” virtuali a disposizione dell’utente. Esistono anche mini-app di informazione che permetteno di visualizzare informazioni e di monitorarne le variazioni nel corso del tempo. Quando si toccano,si ha accesso all’applicazione a esso collegata. Il widget meteo è il più famoso.

meteo

I collection widget vengono utilizzati per l’accesso e la visualizzazione di una galleria fotografica, oppure per accedere alla casella della posta elettronica in arrivo. Grazie a questi strumenti. è possibile navigare all’interno della collezione e accedere ad ogni singolo elemento che ne faccia parte

Mini-app di controllo

Widget di controllo. Lo scopo principale di questa categoria è fornire strumenti che permettano di controllare alcune funzionalità senza dover accedere direttamente all’applicazione principale. Si può attivare e disattivare la connessione dati, il GPS e il Wi-Fi senza aprire le impostazioni. I widget ibridi invece raccolgono elementi caratterizzanti le tre tipologie descritte sopra e le uniscono in un unico “prodotto”. Un widget legato a un’applicazione musicale, ad esempio, permette di conoscere informazioni sullo stato dell’applicazione e controllarne alcune funzionalità